You are here: Home / La prima lezione

La prima lezione

Non è necessaria la prenotazione.

  • Le classi di Bikram sono di 90 minuti / Le classi di Bikram Express sono di 60 minuti.
  • Le classi di Vinyasa sono di 60 minuti / Le classi di Vinyasa Extended sono di 75 minuti.
  • Le classi di Yoga Basic sono di 75 minuti.
  • Le classi di Kundalini sono di 90 o 60 minuti.
  • Fai con calma…La prima volta cerca di arrivare almeno 20 minuti prima dell’inizio della lezione per compilare il modulo e conoscere l’ambiente.
  • Ti sei fatto male? Hai problemi di salute? Parlane con l’insegnante prima di iniziare la pratica.
  • È importante venire con lo stomaco vuoto, o al massimo consumare un pasto leggero 2-3 ore prima.
  • Deve idratarti bene! Sopratutto nella pratica di Bikram suderai molto, hai bisogno di bere tanta acqua prima e dopo la lezione.
  • Dopo la 2 due settimane di prova è obbligatorio portare il certificato medico di buona salute.

Porta con te:

  • Un tappetino di yoga sottile con una presa adatta per non scivolare *
  • 2 asciugamani grandi* 1 per coprire il tappetino, una per la doccia dopo 
  • 1 litro di acqua oppure una borraccia per riempire con la nostra Acqua Kangen Alcalina filtrata disponibile in palestra
  • Vestiti di Yoga: qualcosa di leggero e tecnico. Donne: Short/leggings con top o canottiera. Niente di pesante perché si suda molta. Uomini: Pantiloncini

*disponibile per l’affitto e acquisto in palestra

  • Per favore arriva almeno 15 minuti prima dell’ inizio della classe per organizzarti e cambiarti. Se arrivi in ritardo non avrai la possibilità di prendere parte alla lezione perché la porta di entrata sarà chiusa. 
  • Rispetta il silenzio all’interno della classe…. Il silenzio è fondamentale per la pratica, é essenziale nella stanza prima, durante e dopo la lezione.
  • Niente cellulare o cose personali dentro la stanza. Usa invece i nostri armadietti con i lucchetti gratis.
  • Per favore togli le scarpe appena arrivi e lasciale sotto le panche.
  • Sii pronto a stare dentro la stanza per tutta la durata della lezione.

FAQ’s

Le ragioni principali per iniziare a praticare yoga sono ottenere flessibilità e forza. Se sei davvero legato è una buona idea iniziare con Bikram yoga perchè le posizioni sono accessibili a tutti e la stanza riscaldata aiuta i muscoli a sciogliersi e a rilassarsi.

É impossibile capire qualcosa di hot yoga dopo una sola classe perchè la stanza riscaldata è un ambiente particolare e servono più classi per sentire i benefici e capire la pratica. Noi facciamo la beginner box o offerta speciale per darti la possibilità in 14 giorni di provare più classi con un costo contenuto. Ricordati di non esagerare nella tua prima classe, avrai un sacco tempo per imparare  la pratica e ancora più importante sappi che puoi fare una pausa e sdraiarti se sei stanco e riprendere quando te la senti. La seconda volta che farai la classe sarai molto più abituato al calore, sarà molto più facile e diventerà una cosa piacevole!!

Come tutti gli altri sport più volte riesci a farlo più capirai la pratica e sentirai i benefici. Yoga è un allenamento completo e una pratica regolare(3-5 volte alla settimana) manterrà il tuo corpo snello e in forma. Se non riesci a venire così di frequente pratica almeno 2 volte alla settimana.

Normalmente in una classe di Bikram yoga si bruciano dalle 500 alle 1000 calorie a seconda del tuo peso e da quanto ti impegni nella classe. Il  tuo sistema digestivo, respiratorio, così come quello endocrino, linfatico e di eliminazione, inizieranno a funzionare armoniosamente. Il tuo appetito si normalizzerà e i tuoi “desideri” non salutari, diminuiranno.

Non è inusuale avere nausea e giramenti di testa dopo la prima lezione. Praticare lo yoga in una stanza riscaldata ci rivela più velocemente la nostra presente condizione fisica e ci ispira a prenderci maggiore cura di noi stessi. Generalmente il problema è che nella nostra vita di tutti i giorni non beviamo abbastanza acqua, figuriamoci se siamo pronti a fare esercizio fisico al caldo! I nutrizionisti ci dicono che necessitiamo di un litro e mezzo due di acqua al giorno come normale apporto quotidiano. Nella stanza riscaldata dove pratichiamo lo yoga, il corpo ha bisogno di una riserva appropriata di acqua per permettere al calore di essere rilasciato durante la pratica sotto forma di sudore. Il consiglio che diamo è di bere altri due litri d’acqua per sostenere i novanta minuti di lezione ben idratati e quindi meglio affrontare il caldo. Appena inizierai a bere abbastanza acqua il tuo corpo tollerera meglio il caldo e potrai quindi iniziare ad apprezzare tutti i benefici della pratica dello yoga al caldo. Se dopo alcume delle tue prime lezioni ti sentirai un po’ disorientato oppure hai bisogno di “schiacciare” un pisolino tutto questo è assolutamente normale.

 

Il tuo corpo, grazie alla pratica dello yoga, inizia finalmente a disintossicarsi.

 

Non spaventarti dopo un po’ di lezioni queste sensazioni passeranno. Più durante la lezione riuscirai a rilassarti, lavorando comunque al tuo onesto 110% e piu energizzato ti sentirai durante la lezione e per il resto della giornata.

Oltre all’acqua si consiglia inoltre l’assunzione di sali minerali. Le sensazioni di nausea e mal di testa generalmente sperimentate anche facendo una sauna possono essere completamente eliminate integrando nella propria alimentazione sale marino e potassio.

La parola aerobico significa letteralmente “con ossigeno” o “in presenza di ossigeno”, migliorare l’assunzione di ossigeno da parte del corpo. L’attività aerobica esercita il cuore, i polmoni e il sistema cardiovascolare per trasportare ed elaborare l’ossigeno più velocemente ed efficientemente in ogni parte del corpo per mezzo dell’aumento del battito cardiaco fino a raggiungere l’obiettivo prestabilito. Quando il muscolo cardiaco diviene più forte ed efficiente, può ad ogni suo battito pompare una maggior quantità di sangue. Un minore numero di battiti saranno quindi necessari per trasportare rapidamente ossigeno a tutte le parti del corpo. Tutti questi benefici deriveranno dalla pratica del Yoga.

Usa questa formula per calcolare le tue pulsazioni.
220 meno la tua età moltiplicato per 60%
220 meno la tua età moltiplicato per 90%

Ad esempio una persona di 30 anni userà la suddetta formula come segue:
220-30=190 >>> 190x 60%=114
220-30=190 >>> 190X90%=171

Questa persona cercherà di mantenere il suo battito cardiaco tra 114 (minimo) e 171 (massimo) battiti al minuto. Puoi quindi provare a misurarti il battito cardiaco durante la lezione e constatare che a seconda della natura delle asana il tuo battito cardiaco e la frequenza respiratoria si avvicineranno al tuo obiettivo prestabilito. Questo ti aiuterà a stabilire quanto intensamente lavorare durante la lezione.

Immagina la tua spina dorsale come una serie di sfere una sopra all’altra tra loro separate da un cuscinetto (disco cartilaginoso). Quando la spina dorsale è nuova e scintillante, le sfere sono lisce e rotonde e si muovono liberamente in tutte le direzioni. I cuscinetti a loro volta sono forti e spessi. Ora visualizza le tue attività quotidiane e prendi coscienza che il 95% dei tuoi movimenti consistono in un piegamento dopo l’altro della spina dorsale in avanti. La conseguenza è che ogni singola vertebra della spina dorsale comprime il suo “cuscinetto” (spazio intervertebrale) in una direzione frontale. Questo avviene anno dopo anno fino a quando la parte frontale del cuscinetto perde completamente la sua elasticità, contemporaneamente le parti laterali e posteriori sono divenute deboli e allentate a causa del disuso. In aggiunta la mancanza di movimenti ha reso le “sfere” arrugginite e si sono iniziati a sviluppare delle incrostazioni.

Il risultato è: mal di schiena, collo rigido, mal di testa e tutta una serie di innumerevoli problemi. La cura: esercizio!

Fai lavorare la tua spina dorsale affinchè l’elasticità e la forza siano riacquisite in ognuno degli spazi intervertebrali, la ruggine e le incrostazioni consumate al punto che facendo dei raggi X si possano vedere le vertebre comodamente appoggiarsi sui loro grassi cuscinetti intervertebrali. Solo esercitandola in ogni direzione la tua spina dorsale potrà essere in salute; e solo con una spina dorsale sana si può avere un sistema nervoso sano.

Se il tuo problema cronico è qualcosa come la lombosciatalgia, la muscolatura indolenzita, il colpo di frusta, vertebre disallineate, problemi alle spalle, dolori lungo le braccia, tensione, mal di testa, cifosi, lordosi, prendi il coraggio a quattro mani ed inizia a lavorare su questa serie di esercizi. Agisci!

Anche chi ha avuto un operazione alla spina dorsale può con il permesso del medico e sotto la supervisione di un insegnante qualificato, praticare lo Yoga.

Come potete comprendere la cosa piu saggia è adottare un regime di esercizio fisico Yoghico prima che questi problemi si sviluppino dato che se lo farete essi probabilmente non si svilupperanno

Lo Yoga aiuta a bilanciare le emozioni in diversi modi. La pratica costante è un riequilibratore psicofisico che armonizza il sistema nervoso ed endocrino. Due sistemi che influenzano fortemente il nostro livello di benessere. La pratica del Yoga coltiva inoltre le facoltà mentali di fiducia, autocontrollo, determinazione e pazienza. Divenendo più consapevoli della nostra vita interiore, notiamo come gli eventi, le interelazioni ed anche la pressione atmosferica abbiano un effetto su di noi. Quando siamo consapevoli possiamo esercitare delle scelte sulle nostre azioni e questo ci aiuta ad equilibrare la nostra vita emozionale.

Name

Click here to change this text